Ryan Atkin, l’arbitro inglese che ha fatto coming out

“Vorrei vedere i giocatori e gli arbitri utilizzati per sensibilizzare una maggiore inclusione e promuovere l’uguaglianza fra le persone”

«Sono arbitro e sono gay – ha dichiarato il fischietto del Regno Unito – esserlo non è una cosa che incide su una partita di calcio, ma se si parla di uguaglianza e diversità, allora ammetto di essere gay, perché diventa pertinente. L’omofobia è ancora un problema, ma le cose stanno migliorando tutto il tempo. Senza dubbio, sono stati compiuti progressi significativi da quando ho iniziato ad arbitrare. Ora vorrei vedere i giocatori e gli arbitri utilizzati per sensibilizzare una maggiore inclusione e promuovere l’uguaglianza fra le persone».

In questa stagione sportiva Ryan Atkin dirigerà le gare dei campionati che vanno dalla Championship alla League II e della National League ma sarà anche un testimonial contro le discriminazioni da orientamento sessuale nel football.

Leggi di più su Pride Online

Share